Visualizzazioni totali

mercoledì 1 novembre 2017

Ognissanti in famiglia


Anche se oggi è la festa di Ognissanti, volevo mostrarvi  le foto che ho scattato ieri ai miei figli per festeggiare la ricorrenza di Halloween.
Junior era Batman, Antonio spiderman.


Questo birbone si  è divertito tantissimo e si è lasciato truccare senza opporre  resistenza.


Questi  sono solo alcuni dei dolcetti ricevuti...

Come dicevo poco fa, oggi è il primo di Novembre, ricorrenza di Ognissanti.
Ho trascorso una giornata abbastanza movimentata con tutto quello che c'è da fare in casa e dietro ai Bambini.
Questa mattina Arturo ha raccolto i primi mandarini dal giardino fuori casa, e non ho resistito, ho fatto un vasetto di confettura che userò per fare crostate con la oramai famosa frolla di Elena, ricetta infallibile e buonissima che da settimane spopola sui più grandi gruppi di cucina.


Per preparare questa semplice marmellata, ho utilizzato il mio caro amico bimby, oggi instancabile, e alleato perfetto quando voglio cucinare.
Ho utilizzato la Ricetta classica presente sulla bimby stick del libro verde, diminuendo la proporzione dello zucchero da 500 grammi a 300grammi.
Quindi, 500 grammi di mandarini a pezzi, (con tutta la buccia), e 300 grammi di zucchero.
Alla fine della cottura ho frullato la confettura per qualche secondo, per renderla omogenea.
Ho messo in vasetto e capovolto per raffreddare.
Ovviamente bisogna usare frutta biologica per poter usare anche la buccia.
Questi frutti sono assolutamente naturali, nessuno utilizza concimi, crescono semplicemente da soli.
I primi giorni in cui ero in questa casa, mi sogfermavo a vedere la pianta che mano mano fioriva...
Ne sentivo il profumo, specie quello di zagara, perché proprio accanto agli alberi di mandarini ci sono anche quelli di arance, noci, castagne ecc.
Settimana per settimana i rami si sono appesantiti con i primi frutti verdi, e come per magia l'arancio li ha dipinti fino a farli maturare.
Prima che mani furbette potessero farne piazza pulita, questa mattina con la  mia vicina li abbiamo colti.
Non immaginate il profumo che mi ha invaso casa, ricordandomi tanto il  profumo che respiro quanso vado a casa dei miei genitori, oppure quando entravo a casa di mia nonna, che di sera, utilizzava le bucce come profumatore d'ambiente essiccandole sulla stufa accesa.
Questi odori mi fanno sentire una profonda nostalgia di quelle sere d'inverno dove ci riunivamo tutti insieme su da nonna... che bei Ricordi di lei, dei suoi racconti, dei suoi proverbi, delle sue raccomandazioni che si ripetevano a cadenza fissa ogni sera quando sedute sulla scomoda cassapanca ricoperta di cuscini, la costringevamo a guardare il grande fratello, stranamore, carramba che sorpresa e altri programmi di svago.

Ciao nonna, tvb.






Ritorno  a tutto ciò che ho fatto oggi, e giusto per non mettere a posto il bimby, mi  sono fatta scorta di sugo alle verdure per Junior.
Ho  fatto  un sugo di pomodoro semplice, con carote sedano e cipolla, poi omogeneizzato tutto per 20 secondi.
Junior adora  il sughetto di verdure, spesso ci aggiungo anche un formaggino, robiola o stracchino.
Antonio invece, a pranzo non ha voluto il primo, e stasera per cena gli ho preparato uno  dei suoi piatti preferiti.
Il gateau di patate.


La mia ricetta del gateau è insolita perché  non faccio il solito procedimento ma come base utilizzo la Ricetta del purè di patate bimby.
Una volta fatto il purè bimby, aggiungo due uova, parmigiano, Galbanino e prosciutto.
Stendo in una teglia oleata e cosparsa di pangrattato, e spolvero con altro pangrattato.
Fiocchi di burro qua  e là e inforno fino a doratura.

Ecco, dopo questa carrellata di ricette un  po'a caso, proprio come i discorsi fatti stasera qui in questo diario, finalmente a letto a rilassarmi.
Domani sarà la commemorazione dei defunti, giorno in cui evito  di recarmi al cimitero.

Non ho ancora programmi per la giornata,  ma davvero non amo farne, preferisco stare tranquilla e riposare un po' di tanto in tanto.
Una forte tosse non  mi dà tregua, mi sento stringere in gola, quasi a mancarmi il respiro.
Antonio è ancora sveglio, stasera di dormire non se  ne parla ancora.
Vuole giocare, nonostante  il fratellino nella camera accanto stia riposando.

Tra  poco spegnero' la tv, speriamo bene.
Notte a tutti.