Visualizzazioni totali

domenica 13 luglio 2014

Se il buongiorno si vede dal mattino...Arienzo ce la puoi fare.

Il mio blog è per me il mio luogo, il mio spazio ragionato per iscritto.
Sono felice di avere questa pagina tutta mia, da regalare non a tutti, ma solo a chi mi segue ormai da più di un anno.
Ho un profilo FB, ma sto iniziando a detestarlo perché ogni volta che mi connetto, rimango turbata; video allucinanti, gente stranissima, bambini maltrattati, tragedie in diretta, torture, animali abbandonati, persone uccise e fotografate, insulti vari, polemiche inutili...più che una piazza di scambi virtuali, FB è diventata una giungla.
Ed eccomi correre qui, a rifugiarmi in quattro righe, tra pentole e fornelli che fanno di me una mamma serena, una moglie felice, una scrittrice de "noaltri".
Mi rifugio in questo blog perché è qui che mi sento a casa, è qui che mi sento  nel mio luogo virtuale ideale.
Non mi piace vedere ciò che mi fa stare male, non lo accetto, e soprattutto qui mi sento libera di poter scegliere quello che mi piace e quello che non mi piace.
Così come nella vita vera, anche sul mio blog metto in primis la sincerità, perché ciò che scrivo non è la trama di un romanzo, ma quello che veramente penso.
Lo devo a me stessa, alla mia linea mentale, (che mi crea tante inimicizie) e lo devo a quelle persone che mi seguono e non solo per trovare la ricetta del giorno.
Nelle ultime settimane leggo di continue polemiche sulla nuova amministrazione che è stata eletta al mio paese Arienzo.


                                              

In questo mese e mezzo di nuova gestione comunale, mi sento di dire che, nonostante io non abbia sostenuto il nuovo Sindaco, vedo che qualcosa inizia a muoversi, e lungi da me dal parlare di politica, anche perché di politica non me ne intendo, ho potuto cogliere alcuni lati "umani" che mi hanno fatto cambiare idea sul nuovo eletto.
La politica non è argomento di cui mi interesso, le polemiche elettorali neanche, ma da quello che ho potuto vedere con i miei occhi, mi sento di dire - e poi magari me ne pento- che questo Sindaco sta facendo qualcosa; si sta muovendo.
Che sia entusiasmo iniziale questo non lo so, fervore dei primi tempi non saprei, fatto sta che ho avuto modo di assistere a degli episodi che mi hanno fatto propendere per un giudizio positivo su questa persona.
L'ho visto correre sotto la pioggia quando c'è stata l'alluvione ad Arienzo, e stentavo a crederci, ma correva per la strada mentre dietro di lui si scatenava l'inferno; dopo pochi minuti ad Arienzo già era attiva la macchina dei soccorsi, ed ho visto, io personalmente, alle 7 di sera gli impiegati LSU spalare il fango e le macerie.
Pochi giorni dopo, durante una processione, l'ho visto staccarsi dal corteo per soccorrere una donna caduta a terra.
Certo diranno tutti, non c'è nulla di eccezionale in queste azioni, è normale amministrazione, e con questo concordo pienamente, ma alcune scelte, tra le quali l'ultima di rendere via Roma isola pedonale, bhè, questa idea mi piace.
Mi piace l'intento di favorire la socializzazione, mi piace l'idea di rendere la strada principale luogo di aggregazione, di incontro alla domenica.
Se intorno a questa isola pedonale si creassero anche situazioni "aggreganti", sarebbe ancora più bello.
Sono stufa di leggere un sacco di polemiche, critiche autodefinite "costruttive".
La critica è pur sempre tale, e costruttiva o meno, è sempre una critica, un appunto, anzi, un disappunto verso le azioni altrui.
Io personalmente inizio a ricredermi, ma lo faccio solo ed esclusivamente per ciò che sto vedendo attorno a me, piccoli atti concreti, e soprattutto la "presenza" dell'amministratore tra la gente.
Sono dell'idea che solo i cretini non cambiano idea, e forse resterò una cretina perché magari in futuro vedrò atteggiamenti che a me non piaceranno, ma adesso, alla luce dei piccoli episodi del momento, posso dire che, si vede e si sente l'aria del cambiamento, e questo può fare solo che piacere per una cittadina come me, che chiede solo di vivere in paese civile dove tutti rispettino le regole e dove ci sia equità nelle scelte, oculatezza nel senso del dovere, occhio di riguardo per tutti, indistintamente.

                                      

"Se il buongiorno si vede dal mattino" allora questo buon giorno merita fiducia, se poi si perde per strada questo non possiamo dirlo, è troppo presto ed i processi alle intenzioni non portano da nessuna parte.
Mi auguro che tutto sia deciso nel SOLO interesse di noi Arienzani, mi auguro che quello che già mesi fa scrivevo, si possa realizzare per noi, per i nostri figli negli anni futuri.
Mi rendo conto che i miracoli non si possono fare, e nemmeno pretendere, ma vedere che ci aggiustano una condotta d'acqua in perdita,vedere un Sindaco che risponde ad una signora su Fb che fa una richiesta,  oppure vedere che  ci puliscono perbene le strade, quello fa piacere, e deve far piacere a tutti, anche a quelli che a Davide Guida non lo hanno votato, io per prima.
Personalmente non credo che ci voglia fare "fessi e contenti", anche perché noi non siamo stupidi, e sappiamo capire se ogni azione è solamente per "buttare fumo negli occhi".
Se qualcuno ha ancora l'amaro in bocca della sconfitta, può, ed ha il diritto di dissentire, ma litigare con insulti da bassifondi quello è veramente troppo, così come è eccessivo trovare per forza il difetto solo perché quella persona non era tra i nostri preferiti; non è così che si crea il senso di cittadinanza attiva e civile.
                                            


Mi auguro per tutti noi che Arienzo possa migliorare, che possano crearsi momenti di vicinanza e compartecipazione tra tutti noi, così come tutti noi ci siamo aiutati il 19 Giugno scorso, giorno dell'alluvione.
Ho visto tante persone spalare il fango, pulire le strade, aiutare il vicinato, correre in soccorso di chi era in difficoltà...quella è la vera essenza di noi Arienzani, quell'aiutarci nel momento del bisogno, dove non vi erano colori politici a dividerci, ma lo sporco del fango accumunava tutti noi, perché tutti ci siamo sporcati le mani di fango, proprio tutti.
Ed allora, proprio tutti dobbiamo renderci conto che non sarà di certo SOLO il nuovo Sindaco a cambiare o peggiorare le cose, tutto dipenderà anche da noi, dalla volontà di migliorare i luoghi, i rapporti sociali, le istituzioni, e non pretendere solo che tutto ci sia dovuto.
Siamo giovani, una parola in meno, un insulto mancante, ed una mano tesa in più, può farci soltanto che bene.

                                         


Buona domenica a tutti.